Prezzemolo

Prezzemolo

II prezzemolo è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere. Pur avendo origini orientali, già i latini e i greci apprezzavano le virtù medicinali del Petroselinum crispum (questo il nome botanico del prezzemolo), da non confondere con la cicuta maggiore, che ha una certa somiglianza con il prezzemolo ma è una pianta assai velenosa e addirittura mortale se viene ingerita.

È la principale fonte naturale di vitamine e minerali, utili a rafforzare il sistema immunitario del nostro organismo. Questa pianta è composta da proteine (20%), flavonoidi (antiossidanti e nutrienti per la membrana delle cellule sanguigne), oli essenziali, ferro, calcio, fosforo, manganese, inositolo, zolfo, vitamina K, betacarotene e soprattutto vitamina C. Alimento che riscalda, dal gusto leggermente amarognolo e salato, quest'erba aromatica idrata, nutre e tonifica, riequilibra e attiva l' energia degli organi, migliorando la capacità di assimilare e utilizzare le sostanze nutritive. Il prezzemolo nutre milza e stomaco e perciò aiuta i processi digestivi. È nutriente per il fegato e di conseguenza per il sangue e i fluidi organici. Ha effetti benefici su reni, utero e ghiandole surrenali. L'elevato contenuto di vitamina C, betacarotene, vitamina B 12 e acidi grassi essenziali lo rende ottimo per rafforzare il sistema immunitario.

In medicina cinese il prezzemolo viene utilizzato contro l’ipertensione arteriosa per le sue proprietà diuretiche, e per curare le disfunzioni tiroidee. Inoltre sembra che il prezzemolo abbia una notevole efficacia contro la febbre da fieno e l’orticaria, poiché si ritiene che agisca come inibitore dell’istamina, la molecola responsabile di tutte le reazioni allergiche. In questi casi, basta abituarsi ad aggiungere un battuto di prezzemolo fresco a pasta, riso, contorni e pesce al forno.

È ottimo contro l'anemia, la stanchezza e la spossatezza cronica o che si può avere dopo una malattia o uno sforzo fisico, come rimineralizzante, in caso di carenze vitaminiche, contro i reumatismi e la gotta, per regolarizzare il ciclo mestruale, per la ritenzione idrica, per regolarizzare la digestione e il transito intestinale, per prevenire flatulenze e fermentazioni, per migliorare la circolazione e tutto l'apparato cardiocircolatorio, contro le parassitosi intestinali e le infezioni urinarie. 

Per uso esterno va bene contro le punture d'insetto, per dare sollievo alle contusioni e al mal di denti; inoltre ha spiccate qualità diuretiche e sudorifere oltre ad essere emmenagogo. Contribuisce a tenere in buona salute i capelli e le unghie, masticandolo rinfresca l'alito, migliora la pelle in generale donandole elasticità e tonicità, calma la tosse per le sue proprietà carminative. Il consumo di prezzemolo deve essere limitato per le donne in stato di gravidanza dal momento che può stimolare le contrazioni uterine. Evitare anche in caso di allattamento. Allo stesso modo il suo consumo è sconsigliato per le persone con malattie renali o disturbi renali di natura infiammatoria.

OK

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Informativa